Category: Bozza statuto distretto vivaistico ornamentale di pistoia

La carta dei valori era un punto fondamentale del documento programmatico sottoscritto il 30 luglioin cui il Distretto vivaistico ornamentale pistoiese ha individuato i suoi obiettivi strategici. E pone questa cultura come fondamento per lo sviluppo del vivaismo, settore identitario e strategico per lo sviluppo del pistoiese, nell'ottica dell'occupazione, dell'ambiente e del presidio del territorio. E esplicitamente si rivolge agli imprenditori del settore, ai dipendenti delle aziende, a chi fornisce prodotti e servizi, al territorio, alle istituzioni locali e al mercato globale.

Parlando di lavoro, la carta pone al centro la sicurezza degli operatori, la loro formazione, il rifiuto di ogni forma di sfruttamento inteso anche come rifiuto di utilizzo di lavoro in nero o di lavoratori irregolari. Una cultura quella del vivaismo pistoiese che trova le sue radici nella tradizione contadina e si evolve in una storia di sviluppo e innovazione strettamente e indissolubilmente legata al suo territorio.

Una cultura che deve essere mantenuta viva e vitale, per dare una nuova immagine del vivaismo e rinsaldare il rapporto tra Pistoia e le sue piante. Albo fornitori Amministrazione trasparente. NET Camcom.

bozza statuto distretto vivaistico ornamentale di pistoia

La carta dei valori del vivaismo di Pistoia. PDF Stampa. Fonte: www.Articolo 2 Ambito territoriale 1. Articolo 3 Scopi 1.

bozza statuto distretto vivaistico ornamentale di pistoia

Essi fanno domanda di adesione al Distretto a seguito di atto deliberativo di adesione degli organi competenti i quali approvano contestualmente lo statuto del Distretto. Articolo 10 Assemblea del Distretto 1. Ai componenti i gruppi di lavoro e della Segreteria non viene riconosciuto alcun gettone di presenza. Ciascun componente ha diritto a un voto.

Le votazioni nel corso delle riunioni sono espresse in forma palese. Articolo 15 Comitato di Distretto 1. Le deliberazioni del Comitato si adottano a maggioranza di voti dei presenti. Articolo 18 Presidente e Vice Presidente 1. Articolo 19 Coordinatore 1. Il Distretto, sulla base delle sue esigenze di funzionamento, si dota di una Segreteria amministrativa. Articolo 21 Verbalizzazione delle sedute degli Organi del Distretto 1.

I verbali del Comitato sono sottoscritti dal Presidente del Comitato e dal Coordinatore o suo delegato, ed approvati dal Comitato nelle riunione successiva. Articolo 23 Risorse, Personale, Strutture 1. Articolo 25 1. Leggi Anche. La Provincia di Pistoia partecipa alla "Giornata nazionale del paesaggio".Un progetto del Distretto vivaistico ornamentale di Pistoia per partecipare e accedere ai contributi del bando regionale del sui Progetti integrati di distretto agroalimentare Pid.

.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.

Gli attori di filiere agricole e agroalimentari produttori primari, imprese di trasformazione e commercializzazione, ecc. Numeri telefonici e contatti utili della Valdinievole Emergenze, ospedale di Pescia, guardie mediche, farmacie, polizia municipale. Tutti i film proiettati in Valdinievole I film presenti nelle sale di zona. Una selezione di pubblicazioni che parlano della Valdinievole. Turismo, storia, artie, politica, sociale ed economia. I mezzi pubblici che puoi utilizzare per spostarti in Toscana.

Regione Toscana. Sabato, 18 Luglio Pistoia Distretto Vivaistico unito investe. Mercati settimanali della Valdinievole 0. Video News. I teatri della Valdinievole Gli spettacoli teatrali della Valdinievole. Toscana Sharing Turismo e sport.

Arte e cultura. Artigianato e design. Newsletter Gratuita. Iscriviti alla newsletter di Valdinievole. Basta inserire la tua email qui sotto. Cerca nel giornale Cerca Meteo Toscana. Muoversi in Toscana I mezzi pubblici che puoi utilizzare per spostarti in Toscana. Regione Toscana 0. Politica 17 Luglio Pescia cambia: Niccolai ostile a Pescia. Parte la gara. Salute 04 Luglio Coronavirus in Toscana 9 nuovi casi.Non potrebbero esserlo. Oggi si parla di quelli delquindi rilevamenti compiuti un anno prima rispetto alla pubblicazione del penultimo report.

Di sicuro non manca il nostro impegno a livello ambientale. Ma anche passaggi concreti. Che, anche in questo caso, non si nasconde ma anzi chiede chiarezza.

Scientifico e rigoroso. Serve il lavoro di professionisti riconosciuti, con pubblicazioni alle spalle. Nel modo giusto. Noi, invece, siamo pronti a fare la nostra parte.

Soudal t rex flexi

E la risposta, ora, arriva da Pistoia. Dalla Provincia, in particolare, che col distretto rurale vivaistico ornamentale ha elaborato un progetto per la pianificazione del verde. Un piano perfetto. E altri arriveranno presto nelle scuole.

Intervento diretto, in questo caso. Temi cari anche a Francesco Mati, presidente del ditretto rurale vivaistico ornamentale, che ha preso parte direttamente alla stesura del protocollo. Da anni lamentiamo di essere indietro rispetto ad alcuni standard europei, ora Pistoia fa un grande passo avanti.

Ma i costi, sgravi a parte, non sono impossibili. Powered by Join. Chatta con noi.Il vivaismo pistoiese propone un mix produttivo assolutamente ricco che in alcuni specifici prodotti raggiunge standard qualitativi ineguagliati a livello nazionale ed internazionale conifere ed esemplari di grandi dimensioni.

Le classi merceologiche della produzione vivaistica rientrano nelle seguenti categorie: piante da pieno campo, piante in vasetteria, giovani esemplare in vasetteria e pieno campo. Le tipologie produttive realizzate dal comparto sono diversificate e, tra queste, le conifere occupano senz'altro un posto di primo piano fra le piante arboree ornamentali.

Case study of marketing management with solution

Si possono inoltre annoverare altre tipologie quali alberi ornamentali a foglia caduca, arbusti a foglia caduca rampicanti ed altri arbusti e rose. Altre categorie particolari sono le palme e le acidofile: camelie, azalee e rododendri.

bozza statuto distretto vivaistico ornamentale di pistoia

Le piante autoctone hanno recentemente assunto un ruolo molto importante per impianti di ripristino ambientale e ingegneria naturalistica. Si tratta infatti di specie indigene molto apprezzate dal mercato locale. I Principi di Base del Distretto: Stimolare e consentire la partecipazione attiva e consapevole dei soggetti coinvolti nel sistema vivaistico-ornamentale pistoiese, in primo luogo dei soggetti imprenditoriali anche per il tramite delle loro organizzazioni di rappresentanza, e allo stesso tempo garantire la presenza delle istituzioni locali ai massimi livelli.

Supportare i processi di concertazione tra le varie componenti del sistema vivaistico-ornamentale a livello territoriale, e la partecipazione al processo di concertazione a livello regionale e nazionale sulle tematiche attinenti.

Avvalersi delle risorse dei soggetti aderenti al Distretto, evitando la costituzione di una struttura gestionale ad hoc. Le Funzioni del Distretto: Elaborazione strategica: definizione, monitoraggio e aggiornamento delle linee strategiche del Progetto Economico Territoriale.

Leggi Anche. La Provincia di Pistoia partecipa alla "Giornata nazionale del paesaggio".Incontriamo Francesco Mati, presidente del distretto vivaistico di Pistoia nella sua azienda: la Mati Sono passati oltre due anni dalla sua elezione alla presidenza del distretto vivaistico.

Distretto Rurale Vivaistico-Ornamentale

Quali sono stati, a suo parere, i principali risultati di questa porzione di mandato? Abbiamo poi cooperato con altri distretti e associazioni con i quali dopo due anni abbiamo dato vita al Coordinamento nazionale della filiera del florovivaismo e del paesaggio www. Lavoriamo con il Ministero delle Politiche agricole per affrontare i problemi fitosanitari, per la redazione del Piano di sviluppo del settore florovivaistico e la partecipazione a mostre ed eventi internazionali.

Abbiamo dovuto affrontare un percorso complesso con il Comune di Pistoia, i sindacati, le associazioni di categoria a seguito della chiusura di una nostra importante azienda vivaistica — la Bruschi - e realizzato, lo scorso febbraio, il codice etico del vivaismo pistoiese.

Vogliamo prospettare nuovi schemi e possibili collaborazioni, nel rispetto dei ruoli. Quali sono gli strumenti di verifica della concreta applicazione della carta? E' un punto di partenza. Noi siamo arrivati alla quinta generazione, speriamo di andare oltre. L'etica del vivaismo non distrugge l'ambiente in cui si sviluppa: non siamo estrattori di petrolio che lo sfruttano fino all'ultima goccia. Il Cespevi. Come mai, a suo parere, la sua sopravvivenza appare sempre sul filo del rasoio?

Un argomento non facile dato che molte aziende hanno fatto e fanno sperimentazione direttamente nelle proprie aziende. Il Distretto floricolo ha usi e costumi diversi da quello vivaistico, fonderli sarebbe a mio personale avviso un errore. Io, sinceramente, non lo penso.

Costose e poco efficaci. Il vivaismo usa da decenni noi, come Mati, dal sistemi per il recupero delle acque usate in eccesso indirizzandole in bacini di raccolta che fungono da scorta per momenti critici. Molti avevano identificato lei tra i possibili assessori di un secondo mandato della giunta Bertinelli. Che cosa vi aspettate dalla nuova amministrazione comunale? Con la nuova amministrazione, in particolare con Tomasi e l'assessore Risaliti, devo ancora incontrarmi ufficialmente.

E' mia intenzione presentare discutere alcune idee e progetti maturati in questi ultimi tempi. Home News Toscana Lucca.Torna alla prima pagina delle News. La consegna del Diploma Verde.

Il Distretto Rurale Vivaistico Ornamentale di Pistoia si adegua alla nuova normativa regionale

Foto di gruppo con la delegazione turca. Panorama di Sochi RU. Invito alla Conferenza Stampa. Inaugurazione di Arts e Crafts Allestimenti dello stand della Provincia di Pistoia. E' stato realizzato uno stand collettivo del Distretto che riuniva tutti gli espositori pistoiesi presenti alla Fiera. Patrizio Rosi e del Direttore Dr. Era presente all'iniziativa anche il Prof.

Visual studio setup macro

Carlo Vezzosi, in veste di Direttore dell' Associazione Vivaisti Pistoiesi, che ha portato il saluto e l'appoggio dell'associazione stessa. Nello stand il Distretto ha allestito una collinetta tipica della Toscana, con cipressi, querce, olivi, arbusti fioriti e rose native. La giuria, composta da esperti internazionali, ha annunciato il premio, ieri a Renato Ferretti Dirigente del Dipartimento Pianificazione territoriale, Agricoltura, Turismo e Promozione della Provincia.

Il Comitato di Distretto ha valutato la proposta nella riunione del Patrizio Rossi sponsor dell'iniziativa ed il Presidente del Distretto Cav.

Vivai in ginocchio: milioni di piante invendute da buttare

Vannino Vannucci. Erano presenti i Sigg. Seguiteci anche su Facebook. Archivio NEWS precedenti al Torna alla prima pagina delle News Rinnovo degli organismi distrettuali Le cariche e gli organi del Distretto sono in corso di rinnovo.

Dopo la sua costituzione nelerano stati rinnovati al termine del primo triennio nel luglio ed adesso, concluso il secondo triennio, sono di nuovo in scadenza.

bozza statuto distretto vivaistico ornamentale di pistoia

Nel giugno scorso si sono svolte le consultazioni tra il Sindaco di Pistoia, Samuele Bertinelli, la Presidente della Provincia, Federica Fratoni ed il Presidente uscente Vannino Vannucci, assieme con le associazioni di categoria e gli altri componenti del Distretto, per stabilire un programma di lavoro e procedere al rinnovo dei vari organismi. Diploma Verde al Questore Dr. Manzo preannunciando il suo collocamento in pensione dalla Polizia di Stato, ha rivolto un saluto ufficiale alla Cittadinanza, in segno di vicinanza durante la missione svolta a Pistoia.

Russu del Servizio Fitosanitario Toscano, il dr. La prestigiosa e qualificata delegazione turca era costituita da operatori, funzionari e tecnici doganali e guidata da Muharrem Selcuk, capo del Dipartimento di controllo in dogana per il materiale vegetale.

Faraglia, dirigente del Servizio fitosanitario nazionale, anche i dirigenti dei servizi fitosanitari di Toscana e Lombardia ed i rappresentanti dei vivaisti delle due regioni, per proporre un accordo di collaborazione tra i due Paesi.

Alla sua terza edizione, questo punto di incontro irrinunciabile del settore ha accolto oltre espositori della filiera ed oltre Uno stand di oltre metri quadri, progettato e allestito dalla Provincia, ha accolto la produzione florovivaistica pistoiese: una sorta di arcobaleno di piante arricchito con opere di arte topiaria e una apposita sezione riservata alla progettazione del verde e del paesaggio.

Il servizio pianificazione territoriale, S.

Seleccionar quizlet leccion 7

Sono state gettate le basi diplomatiche per risolvere le recenti problematiche legate agli scambi commerciali con la Turchia per tutte le aziende vivaistiche, con la preghiera di fare la massima attenzione nei confronti dei prodotti inviati e della documentazione fitosanitaria accompagnatoria. Poi sono state presentate le linee programmatiche per ildove sono state annunciate tutte le principali iniziative proposte dal Distretto. Ma si stanno organizzando anche altre iniziative, come un Incoming di giornalisti esteri ed il supporto ad Immagine Italiala fiera organizzata a Febbraio dalla Camera di Commercio di Pistoia alla Fortezza Da Basso di Firenze.

La partecipazione del Distretto, in uno stand realizzato in collaborazione con la Provincia di Pistoia, ha compreso anche una serie di incontri istituzionali di notevole importanza. Pertanto sono stati allestiti appositi stand e percorsi illustrativi per raccontare ai visitatori la filiera del vivaismo dalla sua storia al futuro.